Benvenuti nell'azienda agricola Serconi

il paese dello zafferano

Preparazione del terreno:

"Per quanto riguarda le esigenze pedologiche, lo Zafferano si adatta a qualsiasi tipo di terreno purchè non soggetto a ristagno idrico. Terreni ottimali sono quelli di medio impasto, mentre non sono adatti quelli eccessivamente argillosi e con notevole pietrosità. Prima di procedere all'impianto della coltura si consiglia una sistemazione superficiale del terreno al fine di evitare problemi legati al ristagno idrico. Alla sistemazione del terreno si fa seguire un'aratura estiva da eseguire ad una profondità di 30-40 cm, seguita da una leggera fresatura e assolcatura del terreno. Riguardo alla concimazione non esistono studi compiuti che indichino le reali esigenze nutrizionali, ma quelli fin qui fatti hanno posto in evidenza gli effetti benefici legati all'apporto di sostanza organica. Si consiglia quindi una buona concimazione organica con del letame maturo nella misura di 300-400 ql/Ha da distribuire nell'autunno precedente a quello dell'impianto"

 

 

 

torna indietro

le antiche ricette le tradizioni la preparazione l'arte dello zafferano